08 gen 2010

Inter: linea giovane

Mourinho, in vista della sfida di sabato sera contro il Siena, prosegue con la linea giovane, aggiungendo ai giovani della Primavera convocati per la gara contro il Chievo anche il rumeno Denis Alibec. Una scelta dettata sicuramente dalla necessità, non estremizzata ai livelli ad esempio dell'Arsenal, ma tuttavia più che significativa.

Donati, Crisetig e Stevanovic mercoledì non hanno trovato spazio, ma hanno comunque avuto la possibilità di respirare l'aria della prima squadra, di capire come e quanto si lavora a certi livelli. Allenarsi al fianco di campioni pluriaffermati è per loro un'occasione unica e un incoraggiamento per proseguire nell'ottimo lavoro che stanno svolgendo agli ordini di Fulvio Pea, nonchè una grande chance per poter magari conquistare qualche importante spezzone di partita.

Approffitando dell'impressionante serie di infortuni e squalifiche, Mourinho sta, finalmente, facendo parlare i fatti, aiutato anche da un mercato in uscita mai apparso così semplice ed efficace. La rosa nerazzurra si sta infatti accorciando e, come è giusto che sia, le soluzioni alternative vengono cercate in casa, sfruttando in questo modo un settore giovanile ricco di giocatori più che interessanti in ottica prima squadra. Sicuramente da qui alla fine della sessione di mercato invernale qualche colpo in entrata verrà concluso, ma in queste prime due partite del 2010 il tecnico di Setubal ha fatto intuire i motivi della sua insistenza nel richiedere una rosa meno affollata.


Nella speranza che questo possa rappresentare un punto di partenza ed una via da seguire più o meno recentemente, ecco l'elenco dei giovani inseriti nella lista dei convocati:

Giulio Donati - 1990
Alen Stevanovic - 1991
Denis Alibec - 1991
Lorenzo Crisetig - 1993

Da sottolineare anche la presenza di Marko Arnautovic (1989), che, a sorpresa, continuerà la sua avventura a Milano per altri sei mesi.

3 commenti:

  1. tanto tuonò che piovve: esordio per Stevanovic :D

    RispondiElimina
  2. Eheh... peccato per il contesto in cui ha dovuto esordire. Mourinho ha ragione quando dice di non volerli gettare nel "fuoco".

    RispondiElimina
  3. si, ma giusto perchè pioveva forte ha evitato il fuoco :P
    una grande prova da terzino XD

    RispondiElimina